Marmellata, confetture e composte. Cosa scegliere? | Maria Teresa Nivuori | Biologa Nutrizionista a Torino

Da sempre nell’immaginario collettivo parliamo di marmellata per indicare un composto di frutta, ideale da spalmare su una fetta di pane o per farcire una crostata.  Infatti quasi nessuno di noi direbbe “ho preparato una crostata con la confettura di frutti di bosco”. La maggior  parte di noi confonde la marmellata con la confettura credendo che siano sinonimi.

In realtà i due prodotti sono ben diversi tra loro ed è addirittura intervenuta la Comunità Europea a precisare la differenza.

La direttiva europea del 1979, recepita in Italia solo nel 1982, sancisce che la marmellata è un prodotto fatto di zucchero a agrumi pertanto si riferisce all’arancia, mandarino, limone, cedro, bergamotto e pompelmo. La percentuale di frutta deve essere di almeno del 20% e per la sua produzione sono utilizzati polpa, purea, succo, scorza. Non si butta via nulla dell’agrume insomma!!

La confettura invece è un prodotto che contiene zucchero e polpa (o purea) di tutti gli altri tipi di frutta.

La percentuale di frutta non può essere inferiore al 35% e se invece la percentuale sale al 45% allora si parla di “confettura extra”. La confettura contiene meno zuccheri rispetto alla marmellata.  A differenza di quest’ultima, la confettura può essere preparata con qualsiasi tipo di frutta. Non esistono limiti, l’importante è utilizzare la polpa e mai in percentuale inferiore al 35%.

Ma bisogna fare attenzione e non cadere in inganno, perché se tra gli scaffali del supermercato troviamo un prodotto che sia fatto di arance,  ma con un contenuto di frutta superiore al 35%, a quel punto appartiene alla categoria delle confetture e non delle marmellate nonostante sia fatto di agrumi.

Ricapitolando:

  • la marmellata è fatta di agrumi (circa 20%)
  • la confettura è fatta con tutti gli altri tipi di frutta (minimo di 35%).

Discorso a parte merita la composta.

L’unico limite imposto dalla direttiva è che la percentuale di frutta non deve essere inferiore ai due/terzi del prodotto, inoltre lo zucchero aggiunto è sensibilmente minore, così come il suo apporto calorico.

Non lasciatevi confondere dai prodotti “senza zucchero aggiunto” in quanto non indicano l’assenza di zucchero (che è già presente naturalmente nella frutta), ma semplicemente che lo zucchero in questione viene sostituito da succhi di mela o di uva. Nulla cambia quindi.

Se dovete scegliere un prodotto di buona qualità cercate di puntare sempre alle composte.

Parola di nutrizionista

Inizia ora il tuo percorso di cambiamento!

Iscriviti ora alla newsletter per ricevere nella tua email tutti i miei consigli per una alimentazione buona e consapevole.

Inviando questa richiesta, dichiaro di aver preso visione dell'Informativa sulla Privacy del presente sito ed acconsento al trattamento dei miei dati personali per la gestione della presente richiesta.

I will never give away, trade or sell your email address. You can unsubscribe at any time.

Dott.ssa Maria Teresa Nivuori

Ho sempre amato il buon cibo e questo ha fatto si che mi avvicinassi fin dai primi anni di studio all’alimentazione e alla nutrizione. Tutti si alimentano, pochi si nutrono. La nutrizione è un mondo meraviglioso e quando si impara a coglierne l’essenza, le giuste scelte a tavola sono la conseguenza.

Il cambiamento viene da se, il volersi bene dobbiamo sceglierlo.

Conosciamoci meglio!
Dott.ssa Maria Teresa Nivuori

Latest posts by Dott.ssa Maria Teresa Nivuori (see all)